Nodo


Alle volte implodo in turbinii che d’acido colano sul solco, perimetro dei miei pensieri malsani.

Solco che sfila e schiuma parole che spellano maree di cenere, come i ricordi dei miei giorni scorticati.

Cenere e pezze di sere di pensieri e l’emersione di mancanze nude, scelte per la mia fragile irregolarità.

Nude e distorte mani intrecciate, slegate i miei pensieri, che possano in un tempo migliore, crearmi decenze d’inquietudini leggere, da portarmi in salvo, sulla riva d’un tempo desiderato.

Annunci

31 replies »

  1. però, però…
    “Nude e distorte mani intrecciate, slegate i miei pensieri, che possano in un tempo migliore, crearmi decenze d’inquietudini leggere,”

    no.
    Non sarebbe meglio così?

    “Nude e distorte mani intrecciate slegate i miei pensieri
    che possano, in un tempo migliore, crearmi decenze d’inquietudini leggere”…ecc ecc…

    (la virgola prima del verbo…uhm…e no, dai! [la prof ha colpito ancora, bimbo…])
    (sorry!)
    😉

    Mi piace

  2. buona scrittura leo !
    il(i)nodo(i) … tema abbastanza caro anche a me …
    naturalmente buona la tua scrittura “nodo” e sul suo sciogliersi in …versi da leggere
    ironia magica … ieri avevo scritto anch’io sui “nodi” per il mio “scenario” da pubblicare domani
    se mi ospiti …sto bene in questa casa … anticipo rinunciando alla “primizia” ma …che importa … è più fruttuosa la …con-divisione

    INTENTO A SCIOGLIERE

    nodi
    tra le mani
    sciogliendo
    vita
    imbrigliata

    di sogni

    provo
    e riprovo
    e non sono
    solo
    a tendere

    ho gente
    intorno

    ti sorrido in con-diviso
    …p

    Mi piace

  3. grande Leo!… per quanto leggo a proposito del testo… ti abbraccio proprio davvero… (p.s. ho messo un like sulla fiducia sono troppo stanca ora ma sono sicura che ci sta, domani, prometto, a mente sveglia rileggo e metto un commento degno di lettura dignitosa come tu meriti ).. A,

    Mi piace

  4. Mi hai comunicato molto con questo tuo “nodo”.:-)
    Tu meriti una lettura più approfondita ed una ri-lettura ed un’altra ancora.
    Ora sono troppo stanca per riuscire a scrivere una mia riflessione in modo decoroso.
    A presto!
    Sorrisi
    gb

    Mi piace

  5. E’ difficilissimo “commentare” un testo-poesia così.

    Posso solo condividere ciò che capto., Leo.

    Tu mi hai fatto cogliere il “nodo” nelle tue immagini , validisssime immagini che hanno penetrato la mia pelle a scendere in me, nei versi precedenti a quelli finali.
    Sei riuscito a farmi sentire tutto con una intensità particolare, tua.
    E sono proprio le mani, nude e di-storte, a cui tu ti rivolgi per sciogliere, slegare i tuoi pensieri annodati.
    E’ il tuo un chiedere-implorare-desiderare che, così, i pensieri possano portarti “sulla riva del tempo desiderato.”
    Portare proprio lì, in salvo, te, uomo con “giorni scorticati” alle spalle, che ri-cerca ciò che desidera.

    Mi piace davvero tanto questo tuo testo-poesia.
    Ci sono momenti del tuo modo di essere, “fotografati” da te, con le parole.:-)

    Complimenti.

    Ti sorrido
    gb

    Mi piace

  6. Gelsobianco ha scritto una ammirevole interpretazione del testo ma credo sia inesatta, cioè, emotivamente condivisibile in superficie. Nella sostanza penso tu abbia espresso uno stato d’animo inconscio. Il pianto del bambino che c’è in te, il nodo è, forse, quel cordone ombelicale concettuale che non hai mai staccato.

    comunque complimenti per il linguaggio, anche se condivido l’apponto sulla punteggiatura espresso da Poetella

    TADS

    Mi piace

    • Grazie TADS per questa tua interpretrazione che verosimilmente potrebbe appartenere ad un “reale”, ti confermo altresì, che il “nodo” è legato alla trama delle mani e del disagio di esserci,
      Buona serata

      Mi piace

      • Tu, autore del testo, hai risposto a TADS anche per me, con la tua consueta gentilezza e profondità.:-)

        Sulla punteggiatura, è già stata data da te una spiegazione più che valida.

        Io, poi, considero “vocativo” il tuo “Nude e distorte mani intrecciate” e quindi la virgola è giusta anche per le comuni regole di scrittura.
        Poi discutere di una virgola su una testo poetico, mi pare del tutto inutile.

        Grazie, Leo.
        Buona serata!
        Con un sorriso
        gb

        Mi piace

    • Grazie, TADS, per il tuo considerare “una ammirevole interpretazione del testo” ciò che io ho scritto.:-)

      Per il resto, l’autore del testo ti ha dato la sua “spiegazione” che condivivo pienamente.

      Buona serata.
      gb

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...