Si normalizzano le devianze.
Questa società è un periplo di inetti avvezzi allo sciacallaggio.
L’infanzia non è più un periodo da vivere per i bambini, che devono essere ben oltre le aspettative adolescenziali.
Lo stadio dello sviluppo umano è sovrastato dal progresso sociale, la competizione è la forma mentis che crea autonomia.
Siamo nel vortice dell’automatizzazione dei sentimenti.
L’umano e l’umanità sono (s)finiti.
Il gioco è diventata una forma professionale e lo scherzo un atto impietosamente relazionato al bullismo.
I figli si sono trasformati in un’autorealizzazione
di genitori spersi e sperduti.
L’umano e l’umanità sono finiti.
Non si allena più la fantasia per l’immaginazione.
Senza immaginazione, è tutto finito.

Annunci